INFO E CONTATTI AGOSTALIVE.IT
Agosta 00020 (RM)
SVILUPPO WEB
TERMINI E COPYRIGHT
Copyright 2016 © AgostAlive.
All Right Are Reserved.

 

 

AgostAlive

Canti Popolari di Agosta

FIABA AGOSTANA


Augusta ti chiamarono per nobiltà regale,

regina di castello ancora splendi come il sole;

il fiume biondo e giovane che a te travolse il core,

sussurra a te da secoli, fedele al primo amore

Agosta sei tu l'amore mio,

Agosta io non so dirti addio,

Agosta io qui ritrovo Iddio

E la pace che solo tu sai dar.

Alla tua stirpe mitica montagne fan corona,

è splendida la valle rischiarata dalla luna,

distese verdi abbondano e le colline in fiore

e la pianura è fertile, di acque fresche e pure.

Agosta sei tu l'amore mio,

Agosta io non so dirti addio,

Agosta io qui ritrovo Iddio

E la pace che solo tu sai dar.

Le tue campane fan din don dalla mattina a sera

Richiamano la gente quando è l'ora di preghiera,

festose suonan din don dan il giorno della festa

rintocco lento fanno udir se la giornata è mesta.

Agosta sei tu l'amore mio,

Agosta io non so dirti addio,

Agosta io qui ritrovo Iddio

E la pace che solo tu sai dar.



ACQUA MADONNA


Acqua Madonna,

se piove ce ne jemo alla capanna,

famo l'amore e dimo:

"Acqua Madonna"



COME NA VENA D'ORO


Come na vena d'oro, l'acqua aju mare se ne va,

l'acqua lucente e chiara, pianu pianu zitta se ne va.

Rit: O Mariuccia te l'agliu ittu, l'acqua chiara ma tantu afflittu,

come è bella a fontanella, l'acqua chiara aju mare se ne va.

Ju sole la mmatina l'acqua aju fiume fa brillà

l'acqua della marina pianu pianu zitta se ne va.

Rit: E la luna tutta d'argento splende chiara nel firmamento

come è bella a fontanella, l'acqua chiara aju mare se ne va.



O RONDINELLA - SERENATA


O rondinella che per aria voli, o rondinella, fammelo un piacere,

buttamela na penna di quell'ali, vojo scrive na lettera ar mio amore.

E dopo averla scritta e fatta bella, portala ar mio amore rondine bella.

E dopo averla scritta e sigillata, portala ar mio amore rondine cara.

Rit: So tutto zuppo, chi se ne importa, pure stavolta s' add' affaccià,

e se t'affacci te tiro n'bacio adagio adagio vado a dormir.

E dopo averla scritta e sigillata, portala ar mio amore rondine cara.

E gli angeli so annati a di ar Signore, che non facesse piove 'n sta nottata,

perchè voglio fà na serenata a na ragazza che, sta a dormi sola.

Rit: Tu dormi e sogni le cose belle, pure le stelle stann'a guardare.

E se t'affacci te tiro n'bacio adagio adagio vado a dormir.

E gli angeli so annati a di ar Signore, che non facesse piove 'n sta nottata,

perchè voglio fà na serenata a na ragazza che, sta a dormi sola.

Rit: Tu dormi e sogni le cose belle, pure le stelle stann'a guardare.

E se t'affacci te tiro n'bacio adagio adagio vado a dormir.s

O nuvole del cielo non piovete sennò l'amore mio me lo bagnate.

Da piccoli fanciulli che ci amiamo semo venuti su come li fiori.

Amore mio dillo a mamma tua appena sposati ce ne gliemo a Roma.

Ce la scegliemo na bella catena quella che te va giusta morettina.

Rit: So tutto zuppo, chi se ne importa, pure stavolta s' add' affaccià,

e se t'affacci te tiro n'bacio adagio adagio vado a dormir.

Mo che li nostri cuori se so legati, nso contenti più li genitori,

se n'so contenti s'accontenteranno semo contenti noi loro che vonno.

O no ricordi più con quanto amore io t'ho donato lo mio cuore,

mo tu che fai soffri l'anima mia distrutto pure hai Gesù e Maria

Rit: E Mentre ammiro le labbra tue quelle mie stanno a tremar.

Ti stringo forte tra le mie braccia, guarda che faccia io sto a spirar.



STORNELLI MALIZIOSI


Ecco l'Agosta bella già se vede (2 volte)

la palla d'oro sta aju campanile (2 volte)

E pello pianu cantanu e ranocchie, e nu celle magnemo tutte aroste.

Se so aruzzuniti i cucchiari, da quanno nce magnmo più i fasori.

Puru la spianatora se lamenta, pelle troppe magnate de pulenna.

Se possa muri gliasinu a zi prete, quanno ce va a cavaju la nepote.

Maranu e ju paese e le cipolle, l'Austa delle ragazzette belle.

Aju piattucciu meotu non ce ntigni, i brucculitti mei non ti gli magni.

Lassete passa quissu colle ciocie, a quissu la pulenna nun ji piace.

Revettenne de maggio caro amore, quanno so fatte le cerasa nere.

Cerovatella votecate abballe, te reccojemo alle piane cortelle.

Alla Cervara colla mutinella, all'Austa co na bella canestrella.

Maritate maritate alla Rocca, te magni n'accidente che te spacca.

E se ju chiami mancu te responne, quissu ce natu aju nfirniju e Jenne.

Te pozza pia un curbu propo mone, tu vo più be alle pecora che a mine.

E tutti se maritanu quist' anno, io so remasa a fa la pappa a nonno.

Se mamma nun m' assora miju tajo, e miju metto pe fischittu ncojo.

Se mamma mija fattu strippadonne, e sotto aju mujicuru me penne.

Sa tu me fa vede l' Addis Abeba te faccio vede i negus colla barba.

Eteme ntizzu che la vojo tegne, la voglio fa più nera e ll'are frxxxx.

Maritu meo revettenne massera, ca so cambiatu le bianche lenzora.

Affattate alla finestra zinnacchiona, e jettamette sopre e famme gama.

Arizzate Marì ca so Duminicù, se non t'arizzi tu s'arizza i manicu.

Le femmene senza zinne n' so bone, so come a spianatora senza sagne.

Sapissi aju vattu meo che ja successo, pe na magnata e soreca sa morto.

Te pozzanu pia duluri e doglie, che non puzzi arà a piglia moglie.

Te pozzanu da tante cortellate, pe quante ote ice a Messa i prete.

I pecorari puzzani de zuzzu, i cavallari de cavaju morto.

I cavallari de cavaju morto, igli Austanegli de garofalittu.

E se mi ju fa mette ponta ponta, sarà pensiero meo datte na spenta.

S'è regiratu i munnu alla riversa, un vecchio s'è sposatu na regazza.

E se arrario all'Austa a regline, e pietre della via voglio baciane.

Te pozzanu pia tanti duluri, pe quanti piri portanu li cani.

Che puzzi fa la fine egliu cutturu, co j'ancinu ncanna e co ju foco ncuru.

Nte lo recurdi bella agliu pagliaru, i zumpi che ficemmo tra lo fieno.

E pe cantà ce vo la licurizia, pe fa l'amore ce vo mpo de grazia.

Pe fa l'amore ce vo mpo de grazia, ma misticata co mpo de malizia.

E sse te ncontro sola pella macchia, te faccio fa i zumpi e la ranocchia.



CUPELLA


O cupella che ce sta tra 'stu macchione, ehhhhh!!! O cupella che te puzzi votecane, cupella che te puzzi votecane bella.

A rapponta ponta ppò, arraponta i mbrellerè a nna mani na pagnotta e all'ara un bel fico.

ompare Franciscu democe nara botta quannu s'è fattu notte quell' ne vè ne vè.



I PECORARU


I pecoraru che tititiruliò, i pecoraru che ne vè n'Maremma.

Se crede d'esse giu...Tititiruliò, Se crede d'esse giudice e notare.

A coa della pe...tititiruliò, la coa della pecora è la penna.

A pelle della pe...tititiruliò, la pelle della pecora è la carta.

I zicchiu de lo la...tititiruliò, i zicchiu delo latte è calamaru.

O latte de la pe...tititiruliò, o latte della pecora è gliu nostro.

Te magni n'accidè...tititiruliò, te magni n'accidente che te spacca.



I MOLENARU


Un giorno Luciola gli alla mola,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

Un giorno Luciola gli alla mola,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

è Venuta Luciola co gli occhi bianchi e neri, è venuta Luciola a macinare.

è Venuta Luciola co gli occhi bianchi e neri, è venuta Luciola a macinare.

E mentre lo mulino macinava,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

E mentre lo mulino macinava,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

Le mani dentro al petto co gli occhi bianchi e neri, le mani dentro al petto gli metteva

Le mani dentro al petto co gli occhi bianchi e neri, le mani dentro al petto gli metteva

Attento Molinà co quelle mani,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

Attento Molinà co quelle mani,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

Tengo sette fratelli co gli occhi bianchi e neri, tengo sette fratelli t'ammazzeranno

Tengo sette fratelli co gli occhi bianchi e neri, tengo sette fratelli t'ammazzeranno

Non ho paura ne di sei e sette,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

Non ho paura ne di sei e sette,

Bim bum bam tira ca ve Rosina dammela per carità, nna fa spreca dammela a me,

Tengo na pistoletta co gli occhi bianchi e neri, tengo na pistoletta caricata.

Tengo na pistoletta co gli occhi bianchi e neri, tengo na pistoletta caricata.



ALLE UNDICI DI NOTTE


Alle undici di notte sotto la tua finestra

Il canto mio si desta, stando vicino a te.

E stando a te vicino allor ti chiesi amore

Angelo del mio cuore, vivo solo per te.

Ed ecco che si apre na mezza finestrella

Maria co la sorella se vengono affacciar.

E gli occhi tuoi che brillano, è solo simpatia,

dolce speranza mia, ti voglio sempre amar.



LE SARDELLE


In mezzo al mare si pescano, si pescano le sardelle,

sono lucenti e belle, sono lucenti e belle.

In mezzo al mare si pescano, si pescano le sardelle,

sono lucenti e belle come i tuoi occhi per me.

Rit: In mezzo al mare si và, in barchetta si và, a far l'amore con te.

In mezzo al mare si và, in barchetta si và, a far l'amore con te.

Apri la tua finestra bruna mia bella bruna

al chiaror della luna, al chiaror della luna.

Apri la tua finestra bruna mia bella bruna al chiaror della luna, vieni a ballar con me.

Rit: In mezzo al mare si và, in barchetta si và, a far l'amore con te.

In mezzo al mare si và, in barchetta si và, a far l'amore con te.



UN GIORNO ANDANDO A SPASSO


Un giorno ienno a spasso

Un giorno ienno a spasso pe la via.

Te ncontro na varzetta Mariantò Mariantò Mariantò

Te ncontro na varzetta che piagnea.

Glie dissi prechè piagni Mariantò Mariantò Mariantò

Glie dissi prechè piagni sola sola.

Piagno l'amore meo Mariantò Mariantò Mariantò

Piagno l'amore meo che è glitu in guera.



LA MONACHELLA


&EGrave; la figlia de n'agostana s'è fatta monaca,

s'è fatta monaca per un dolor,

per un capriccio del suo primo amor

s'è fatta monaca per un dolor,

per un capriccio del suo primo amor.

D'esser monaca s'è un pò stancata e allora scrive'

Una lettera al suo papà

Che l'è malata e a casa vuol tornar

Una lettera al suo papà

Che l'è malata e a casa vuol tornar

Il papà gliene scrive un'altra ancor più bella,

se sei malata tu dovrai soffrir,

in quel convento tu dovrai morir

se sei malata tu dovrai soffrir,

in quel convento tu dovrai morir.

Maledico la prima pietra di quel convento

E l'ingeniere che lo disegnò

E il muratore che lo fabbricò,

E l'ingeniere che lo disegnò

E il muratore che lo fabbricò.

Maledico papà e mamma e le sorelle

Son state quelle che me l'han insegnà

Ad ascoltare solo preti e frà.

Son state quelle che me l'han insegnà

Ad ascoltare solo preti e frà.



LA MIA MAMMA È UNA BRONTOLONA


La mia mamma è una brontolona, la mia mamma è una brontolona, na brontolona

E non mi lascia un minuto sola per le scale a fare l'amor

E non mi lascia un minuto sola per le scale a fare l'amor.

Lo farei mattina e sera finchè torna la primavera, la primavera,

La primavera l'è tornata, ma il mio amore non torna più

La primavera l'è tornata, ma il mio amore non torna più.

Ma se torna o se non torna co' la spada insanguinata, insanguinata,

ma se mi trova maritata oh che pena oh che dolor.

Oh che pena oh che dolore, comme è bello far l'amore, far l'amore,

starei piuttosto senza mangiare ma l'amore lo voglio fa.

Voglio farmi monachella che nell'amore non ho fortuna, non ho fortuna,

Voglio prendermi na corona giorno e notte voglio pregà,

voglio prendermi na corona giorno e notte voglio pregà.

Pregherò mattina e sera finchè torna la primavera, la primavera,

La primavera l'è tornata, ma il mio amore non torna più

La primavera l'è tornata, ma il mio amore non torna più.



AgostAlive | Canti Popolari di Agosta